Informazioni per le forze dell'ordine

Informazioni su WhatsApp
WhatsApp è un fornitore di servizi di messaggistica, chiamate Internet e altre tipologie di servizi per utenti di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su WhatsApp, si invita a fare riferimento al nostro Centro assistenza.
WhatsApp apprezza il lavoro svolto dalle forze dell'ordine per garantire la sicurezza delle persone in tutto il mondo. Siamo pronti a esaminare, valutare e rispondere alle richieste delle forze dell'ordine in base alle leggi e normative vigenti.
Le presenti linee guida operative sono destinate ai rappresentanti delle forze dell'ordine che richiedono informazioni a WhatsApp. Gli utenti che desiderano accedere alle informazioni del proprio account possono utilizzare la funzione di WhatsApp Richiedi informazioni sull'account. Queste informazioni potrebbero cambiare in qualsiasi momento.
Risposte alle richieste da parte delle forze dell'ordine
In aggiunta a queste linee guida, i rappresentanti delle forze dell'ordine possono anche inviare eventuali domande o contattare WhatsApp in situazioni di emergenza, come indicato di seguito. Per assicurare una risposta tempestiva, si raccomanda di non inviare richieste da parte delle forze dell'ordine all'Assistenza WhatsApp, né tramite altri canali non dedicati alle forze dell'ordine.
Requisiti per i procedimenti legali negli Stati Uniti
Rilasciamo i dati degli account solo nel rispetto dei nostri termini di servizio e delle leggi vigenti, tra cui Stored Communications Act ("SCA"), titolo 18 dell'U.S.C. (United States Code, codice degli Stati Uniti) sezioni 2701-2712. Ai sensi delle leggi degli Stati Uniti:
  • per procedere alla divulgazione di informazioni di base dell'utente (secondo quanto definito nella sezione 2703(c)(2) dell'U.S.C., titolo 18), che possono includere (se disponibili) nome, data di inizio del servizio, data dell'ultimo accesso, indirizzo IP e indirizzo email, è necessario un mandato di comparizione valido, emesso in relazione a un'inchiesta penale ufficiale
  • per procedere alla divulgazione di informazioni specifiche o altri dati relativi agli account, tra cui i numeri bloccati dall'utente o dai quali l'utente è stato bloccato, in aggiunta ai dati essenziali sugli utenti di cui sopra, esclusi i contenuti delle comunicazioni, è necessaria un'ordinanza del tribunale emessa in base alla sezione 2703(d) dell'U.S.C., titolo 18
  • per procedere alla divulgazione di contenuti memorizzati su un qualsiasi account, tra cui informazioni relative a "info", immagini del profilo, informazioni relative ai gruppi, e lista contatti (se disponibili), è necessario che, alla luce di "fondati motivi", venga emesso un mandato di perquisizione in conformità alle procedure contenute nelle "Federal Rules of Criminal Procedure" o ad altre procedure statali sui mandati di perquisizione equivalenti. Nel corso della normale erogazione dei propri servizi, WhatsApp non conserva i messaggi una volta consegnati, né conserva i file di log delle transazioni di tali messaggi consegnati, e i messaggi non consegnati vengono eliminati dai nostri server dopo 30 giorni. WhatsApp offre la crittografia end-to-end per i propri servizi, che è sempre attiva
  • interpretiamo la disposizione inclusa nella lettera sulla sicurezza nazionale, in riferimento a WhatsApp, come necessità di fornire solo due categorie di informazioni: nome e durata del servizio
Requisiti per i procedimenti legali internazionali
Divulghiamo dati degli account solo nel rispetto dei nostri termini di servizio e delle leggi vigenti. Inoltre, valuteremo se le richieste sono in linea con gli standard riconosciuti a livello internazionale, inclusi i diritti umani, il giusto processo e lo stato di diritto. Potrebbe essere necessaria una richiesta di Mutual Legal Assistance Treaty (trattato di mutua assistenza giudiziaria) o una rogatoria per ottenere la divulgazione dei contenuti di un account.
Conservazione dell'account
Adotteremo misure per conservare i dati di un account in relazione a indagini penali ufficiali per 90 giorni in attesa della ricezione di un atto formale. È possibile presentare tempestivamente richieste formali di conservazione tramite il Sistema per le richieste online delle forze dell'ordine di WhatsApp, come indicato di seguito.
Richieste per situazioni d'emergenza
Qualora siano necessarie la divulgazione immediata di informazioni e l'intervento in caso di pericolo imminente per un bambino o rischio di morte o serio danno fisico a una persona, un rappresentante delle forze dell'ordine può inviare una richiesta tramite il Sistema per le richieste online delle forze dell'ordine di WhatsApp. Per accelerare l'evasione di tali richieste, raccomandiamo di includere la parola "EMERGENCY" nell'oggetto del messaggio. Per saperne di più sulle richieste governative relative ai dati degli utenti, consulta questo articolo.
Nota: non leggeremo né risponderemo alle richieste inviate da persone che non sono rappresentanti ufficiali delle forze dell'ordine. Per inviare richieste di emergenza, si invita a usare un indirizzo email ufficiale. Gli utenti a conoscenza di una situazione di emergenza devono contattare immediatamente e direttamente le forze dell'ordine locali.
Questioni relative alla sicurezza dei minori
Segnaliamo tutti i casi evidenti di sfruttamento minorile presenti nel nostro servizio, in qualsiasi parte del mondo, al National Center for Missing and Exploited Children (NCMEC), compresi i contenuti portati alla nostra attenzione tramite richieste da parte di enti governativi. NCMEC collabora con l'International Center for Missing and Exploited Children e con le forze dell'ordine di tutto il mondo. Se una richiesta riguarda un caso di sicurezza o sfruttamento minorile, è opportuno specificarlo nella richiesta e includere i dati della segnalazione NCMEC appropriata per consentirci di affrontare la questione in modo immediato ed efficace.
Conservazione dei dati e disponibilità
Cercheremo e divulgheremo i dati richiesti in modo specifico in un idoneo atto giudiziario e che siamo ragionevolmente in grado di individuare e recuperare. Conserviamo i dati per le forze dell'ordine solo in caso di ricezione di un'apposita richiesta valida prima che l'utente in questione abbia eliminato tali contenuti dal nostro servizio.
Nel corso della normale erogazione dei propri servizi, WhatsApp non conserva i messaggi una volta consegnati, né conserva i file di log delle transazioni di tali messaggi consegnati. I messaggi non consegnati vengono eliminati dai server dopo 30 giorni. Come indicato nella Informativa sulla privacy di WhatsApp, WhatsApp può raccogliere, utilizzare, conservare e condividere le informazioni dell'utente qualora ritenesse in buona fede che ciò sia ragionevolmente necessario per: (a) proteggere la sicurezza dei propri utenti, (b) individuare, esaminare e prevenire attività illegali, (c) rispondere ai procedimenti legali o alle richieste da parte di enti governativi, (d) applicare Termini e condizioni di WhatsApp. Questo potrebbe includere informazioni relative al modo in cui alcuni utenti interagiscono con altre persone sui nostri servizi. WhatsApp usa la crittografia end-to-end per i propri servizi, che è sempre attiva. Con la crittografia end-to-end, i messaggi sono crittografati per impedire sia a WhatsApp che a terze parti di leggerli. Per ulteriori informazioni sulla sicurezza di WhatsApp, si prega di visitare questa pagina.
Requisiti delle richieste
Non siamo in grado di elaborare richieste troppo generiche o vaghe. Tutte le richieste devono indicare i dati richiesti in modo dettagliato e includere quanto segue:
  • il nome dell'autorità richiedente, il numero del badge o dell'ID dell'agente responsabile, l'indirizzo email con un dominio delle forze dell'ordine e un numero di telefono diretto
  • il numero associato all'account WhatsApp (incluso il prefisso internazionale)
  • ulteriori informazioni sui prefissi internazionali sono disponibili in questo articolo
Consenso dell'utente
Se un rappresentante delle forze dell'ordine richiede informazioni relative a un utente WhatsApp dal quale ha ricevuto il consenso a consultare o ottenere le informazioni dell'account, l'utente deve essere sollecitato a ottenere personalmente le informazioni in questione dal proprio account utilizzando la funzione di WhatsApp Richiedi informazioni sull'account.
Notifica
WhatsApp si riserva il diritto di informare le persone che utilizzano il nostro servizio di eventuali richieste relative alle loro informazioni prima della divulgazione delle stesse, salvo nei casi non consentiti dalla legge o in circostanze eccezionali, come casi di sfruttamento di minori, emergenze o qualora la notifica fosse controproducente.
Deposizioni
WhatsApp non offre assistenza per consulenze tecniche o perizie. Inoltre, a norma di legge, i dati di WhatsApp sono autocertificati e non richiedono la testimonianza del depositario degli atti. Le eventuali forme di certificazione specifiche richieste devono essere allegate alla richiesta di dati.
Rimborso dei costi
Potremmo chiedere dei rimborsi per i costi sostenuti per rispondere alle richieste di informazioni nel rispetto della legge. Questi costi vengono applicati una volta per richiesta per account. Potremmo anche addebitare altri costi per eventuali risposte a richieste insolite o particolarmente complesse. Potremmo rinunciare al rimborso di tali spese per casi quali l'investigazione per potenziali danni a minori, a WhatsApp o ad altri utenti e per richieste di emergenza.
Presentazione delle richieste
Online
I rappresentanti delle forze dell'ordine possono usare il Sistema per le richieste online delle forze dell'ordine per inviare, monitorare ed elaborare le richieste. È necessario usare un indirizzo email ufficiale per accedere al sistema per le richieste online delle forze dell'ordine.
I rappresentanti delle forze dell'ordine che desiderano ricevere i dati di alcuni account da WhatsApp devono rivolgere la loro richiesta a WhatsApp LLC.
Indirizzo
C. a.: WhatsApp LLC, Law Enforcement Response Team
WhatsApp LLC
1601 Willow Road
Menlo Park, California 94025
Stati Uniti d'America
I rappresentanti delle forze dell'ordine che non inviano le richieste tramite il Sistema per le richieste online delle forze dell'ordine dovranno aspettarsi tempi di risposta più lunghi. Inoltre, l'invio della richiesta sia in forma elettronica che in forma cartacea potrebbe richiedere tempi di risposta più lunghi.
Nota:
  • l'accettazione di un atto giudiziario mediante uno qualsiasi di questi metodi è per ragioni di comodità e non comporta la rinuncia a eventuali eccezioni, tra cui il difetto di giurisdizione o di notifica
  • non risponderemo alle richieste inviate agli indirizzi sopra indicati da persone che non sono rappresentanti delle forze dell'ordine
Aggiornamenti alle linee guida
WhatsApp si riserva il diritto di aggiornare periodicamente queste informazioni. Si invita a consultare le linee guida prima di inviare una richiesta.
Ti è stato di aiuto?
No