Come usare WhatsApp in modo responsabile


WhatsApp è stata concepita con l'obiettivo di offrire uno strumento sicuro, affidabile e semplice da usare per inviare messaggi. La messaggistica è per sua natura privata e lo scopo dei nostri Termini di servizio è quello di tutelare la sicurezza degli utenti e della piattaforma stessa. Tutti gli utenti di WhatsApp sono tenuti a leggere le linee guida di seguito per essere certi di usare WhatsApp in modo responsabile.
Migliori pratiche
  • Comunica con contatti conosciuti: invia messaggi solo a chi ti ha già contattato o ti ha chiesto di essere contattato tramite WhatsApp. È consigliabile dare il tuo numero di telefono ai contatti con cui desideri comunicare su WhatsApp, in modo che siano loro a contattarti per primi.
  • Chiedi il permesso e rispetta i limiti: prima di aggiungere contatti in un gruppo devi ottenere il loro permesso. Se aggiungi una persona a un gruppo e questa persona decide di abbandonarlo, devi rispettare la sua decisione.
  • Usa le impostazioni per le chat di gruppo: puoi selezionare l'opzione che limita ai soli amministratori la possibilità di inviare messaggi all'interno di un gruppo di WhatsApp. Se sei l'amministratore di un gruppo, puoi decidere se permettere a tutti i partecipanti o ai soli amministratori di inviare messaggi all'interno di un gruppo. L'utilizzo di questa funzione può aiutare a limitare il numero di messaggi indesiderati all'interno dei gruppi. Scopri di più su come cambiare le impostazioni di amministratore del gruppo su Android, iPhone, KaiOS o Web e Desktop.
  • Pensaci due volte prima di inoltrare messaggi: abbiamo creato un'etichetta per contrassegnare tutti i messaggi inoltrati e limitare così il numero di inoltri consentiti per incoraggiare i nostri utenti a riflettere prima di condividerli. Se non hai la certezza che qualcosa sia vero o non conosci l'autore del messaggio che hai ricevuto, ti consigliamo di non inoltrarlo. Scopri in questo articolo come prevenire il diffondersi della disinformazione.
Pratiche da evitare
Il tuo account può essere sospeso se usi WhatsApp in uno dei modi descritti sotto.
  • Messaggi indesiderati: se un utente ti chiede di non inviargli più messaggi, dovresti eliminarlo dalla rubrica ed evitare di contattarlo.
  • Messaggi automatici o di massa: non inviare messaggi di massa, messaggi automatici o chiamate automatizzate tramite WhatsApp. WhatsApp utilizza sia la tecnologia di apprendimento automatico (machine learning) che le segnalazioni degli utenti per individuare e sospendere gli account da cui vengono inviati messaggi automatici indesiderati. Non creare gruppi o account in modo automatico o non autorizzato e non utilizzare versioni modificate di WhatsApp. Per ulteriori informazioni su come WhatsApp previene l'abuso di messaggi automatici e di massa, consulta il seguente white paper.
  • Uso di elenchi di contatti che non ti appartengono: non condividere numeri di telefono senza il consenso dei titolari del numero e non utilizzare i dati ottenuti da fonti illecite per inviare messaggi agli utenti su WhatsApp o per aggiungerli a gruppi.
  • Uso eccessivo delle liste broadcast: solo gli utenti che hanno il tuo numero di telefono salvato in rubrica riceveranno i messaggi che invii tramite le liste broadcast. Tieni presente che se invii messaggi broadcast con troppa frequenza, qualcuno potrebbe segnalare i tuoi messaggi, e gli account segnalati ripetutamente vengono sospesi.
  • Raccolta illecita di informazioni personali: evita di estrarre informazioni da WhatsApp su larga scala, tramite strumenti automatizzati o manuali per scopi non consentiti. Acquisire in questo modo le informazioni dagli utenti da WhatsApp (come numeri di telefono, immagini del profilo e stati) viola i nostri Termini di servizio.
  • Violazione dei nostri Termini di servizio: ti ricordiamo che i Termini di servizio vietano, tra le altre cose, la pubblicazione di materiale ingannevole dal contenuto illegale, minaccioso, intimidatorio, che incita all'odio o è offensivo nei confronti di un'etnia. Puoi leggere i nostri Termini di servizio in questa pagina.
Risorse correlate:
Abbiamo risposto alla tua domanda?
No